Vi presento il nuovo Preferivo fare l’Uovo! E ai posteri l’ardua sentenza…

Venghino, signore e signori, venghino!! Con orgoglio vi presento il Nuovo Preferivo fare l’Uovo: nuovo logo, nuovi contenuti e un nuovo super team.

E niente:

alla fine l’ho fatto.

Ma la colpa – attenzione – non è solo mia.

La colpa, cari miei, è vostra.

Voi avete messo like, visitato il blog, postato commenti e condiviso post.

Insomma: io non volevo. Mi ci avete spinta voi.

Da oggi Preferivo fare l’Uovo cambia forma (se ve sarete accorti…) e anche contenuti (ve ne accorgerete…).

All’inizio era nato come il diario semi personale di una Mamma Pinguino alle prese con placenta bassa, mattinate tra Kafka e l’INPS, signorine del CUP, fruttivendole della Garbatella, Chiocci e Secondini. E su ogni cosa bicarbonato come se piovesse.

Ma, giorno dopo giorno, questo blog ha iniziato a vivere davvero

Le visite sono cresciute, i commenti pure.

E anche io alla fine ho deciso di prenderlo più sul serio.

Al rientro delle vacanze estive, vi avevo preannunciato che ci sarebbero state novità.

Da allora sono stata impegnata in una sorta di Extreme Makeover Blog Edition. Il risultato è questo nuovo Preferivofareluovo.it

D’ora in poi, oltre alle cronache “non ci credo, ma è vero” di Mamma Pinguino,  troverete anche rubriche dedicate a lavoro e maternità, beauty, interviste con ostetriche, pediatri, logopedisti, psicologi evolutivi e molto altro ancora…

Qui, se vi interessa, spiego nel dettaglio tutti i perché e i percome di questa evoluzione editoriale.

E poi l’altra grande novità sono loro:

Flaminia e Marta

(ehm… Guardate il colonnino in alto a destra dello schermo per capire di chi sto parlando…)

Una mamma gnu e una mamma pantera, rispettivamente due figli e una figlia, che contribuiranno ad alimentare questo blog, che un po’ alla volta sta diventando un vero zoo…

Insomma.

Una nuova era parte adesso. Non mi mollate proprio ora che inizio a fare sul serio 🙂

Spero che queste novità vi piacciano… Che ne pensate?

Scrivetemi sul blog, via Facebook o via Twitter. Anche le email sono bene accette. Qui trovate l’indirizzo di posta e i nostri account social.

Gli americani di questi tempi dicono: every vote counts. Io dico: ogni commento o critica (costruttiva, eh!) conta. E sarò molto contenta di ricevere i vostri…

Ricordate: mi ci avete spinta voi… Io non ci volevo venire…

 

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!