Trucchi per supergenitori – Sopravvivere in spiaggia

Ritornano i nostri trucchi per super genitori, questa volta ambientati in spiaggia, e votati a sconfiggere, domare, ridurre al silenzio, il nemico peggiore: la sabbia

Il sole, il mare, le onde. E sabbia, sabbia ovunque

Una simpatica caratteristica dei bambini in spiaggia è che riescono a immagazzinare sabbia pari al quadruplo del loro peso corporeo. E non mi riferisco solo a quella che mangiano e che poi ricompare nel pannolino. Mi riferisco a quella che nascondono abilmente nelle pieghe della pelle, per poi buttarla fuori una volta in macchina o, peggio, a letto. Il vostro, ovviamente. Per questa sabbia invisibile c’è poco da fare, ma per quella visibile, che resta tenacemente attaccata a piedini e coscette morbidose, abbiamo un rimedio perfetto: il borotalco.

 

Il borotalco

– o se preferite qualcosa di naturale anche l’amido di mais può andare – rende i piedini (ma anche i nostri piedi) insabbiati facilissimi da pulire, facendo scivolar via i granelli più tenaci

La borsa intelligente

Parlando sempre di sabbia, nel conto di quella che porterete via dalla spiaggia ci sono anche i 4-5 chili che si annidano nella borsa dei giochi. Come ovviare senza fare la fatica di sciacquare tutto, sgrullare la borsa, rimettere tutto dentro una volta asciutto? Una borsa in rete fitta, perfetta per liberarsi della sabbia senza nemmeno pensarci

Protetti dal sole

E ora veniamo al nodo dolente: mettere la protezione solare a bambini indemoniati.

Usa quella spray! Diranno i miei piccoli lettori. Eh sì, ma se mentre gliela metti ti scappano 4 volte hai già dimenticato dove l’hai applicata e rischi di ritrovarli con un braccio bianco e una spalla rosso pomodoro a fine giornata. E allora? Crema spray sì, ma colorata! Così riuscite a capire dove la state applicando, prima che l’effetto colore scompaia. E magari avete speranza che i bimbi, divertiti dalla novità, evitino di sgusciarvi dalle mani come anguille. Se invece preferite optare per un solare adatto a pelli sensibili, ma che eviti l’effetto stucco e la trasformazione in cotoletta appena si avvicinano alla sabbia, qui avete qualche opzione.

Il castello di sabbia perfetto

D’accordo con gli esperti, per ottenere un castello di sabbia che resista ad altezze vertiginose e al sole che picchia, l’importante sono le proporzioni: non partite dalla sabbia bagnata della riva, ma mescolate una parte d’acqua e una di sabbia asciutta. In questo modo la miscela saraà veramente resistente.