Calendario dell’avvento, idee per tutti i gusti

Mancano pochi giorni a dicembre, siete pronte con il calendario dell’avvento? No? Tranquille, con i nostri consigli arriverete preparatissime al giorno X

E’ di nuovo quel periodo dell’anno. Quello in cui vorresti già mettere le lucine e gli addobbi ma cerchi di legarti le mani fino all’8 dicembre (anche se in realtà pare che chi decora in anticipo sia anche più felice). E così io mi sfogo pianificando il calendario dell’Avvento.

L’anno scorso avevo uno gnomo iperattivo e un lavoro da freelance che facevo nei ritagli di tempo: non ero riuscita a pianificare assolutamente nulla e avevo puntato su un calendario dell’Avvento preconfezionato. Per sentirmi meno in colpa, avevo scelto qualcosa senza cioccolatini, per l’esattezza Lego Friends, dato che era destinato solo a Figlia1 che all’epoca aveva 3 anni e mezzo. Se anche voi non avete la forza per pensare a 24 – e dico 24 – regalini/attività/racconti, ecco quelli che secondo me sono i più validi e non a rischio-ciofeca (noi nate negli anni 80 ricordiamo tutte quelli con orridi pupazzini in plastica, vero? E quello tristissimo che manco un cioccolatino stantio, no: aprivi la finestrella e trovavi un disegnino: traumi infantili a gogo).

2017 vs 1980

Dicevamo: ecco i migliori, e con le sorprese più belle. Cliccando sui link potrete vedere in dettaglio cosa contengono, e capire che ne vale davvero la pena.

  1. Lego, ovviamente. In versione classica, per gli amanti di Star Wars, o declinato più al femminile con Lego Friends
  2. Se invece siete amanti dei Playmobil, troverete il calendario dell’Avvento natalizio, la giornata al maneggio per gli amanti dei cavalli, le immancabili principesse, quello dei pirati, la fattoria per i più piccoli, i Top Agents per i fan dei cartoni e ancora il calendario con un presepe completo
  3. I meravigliosi e costosissimi animali Schleich diventano un pizzico più accessibili con il loro calendario dell’Avvento. Cavalli, animali selvaggi, fattoria, dinosauri, elfi e unicorni .

Calendario dell’Avvento fai da te

E ora passiamo al fai da te. Due anni fa mi ero sbizzarrita con sacchetti di iuta, mollettine numerate e tante sorprese comprate e programmate con largo anticipo. Replicabile anche con sacchetti di carta numerati. Unica pecca: va preparato tutto con anticipo, e bisogna avere figli che sappiano aprire un solo sacchetto alla volta senza piantare epiche crisi di nervi ogni giorno. Di Figlia1 mi fido ciecamente, ma Figlio2 è molto meno accomodante. E soprattutto, ora che i figli sono 2, serve raddoppiare il calendario oppure no?

Ecco, io ho avuto per quest’anno un’idea stile “elf on the shelf”: la tradizione natalizia made in Usa secondo la quale Babbo Natale invia un elfo in ogni casa nel mese di Natale per controllare chi merita o meno i regali. Tattica infallibile perché le piccole iene si trasformino, almeno per 20 giorni, in educati angioletti. In casa nostra non comparirà però l’elfo, bensì una piccola, adorabile cassetta delle lettere comprata da Tiger. Dentro, ogni notte, l’elfo di Natale lascerà un racconto o un disegno da colorare più un piccolo regalo per uno dei due bimbi. Un modo per non suscitare gelosie, capire che non si possono avere sempre regali, e che ognuno ha diritto a un po’ di esclusività – diciamo che vorrei risparmiarmi in previsione crisi isteriche ai rispettivi compleanni.

Cosa ho preso da mettere dentro la cassetta?

Qualche librottino, pastelli a cera, maracas, macchinine, pupazzetti, piccola cancelleria (gomme, matite, colla glitter), decorazioni per l’albero, due cartoni in dvd. Il vantaggio della soluzione giorno per giorno permette di farsi venire idee un po’ alla volta, senza la necessità di avere tutto pronto e schierato il 1° dicembre. La condizione è ricordarsi di mettere un regalino ogni sera , pena un’orrenda delusione e un trauma infantile che nemmeno il più brutto calendario vintage. A voi la scelta!