Yoga e bambini: tutti i benefici di una disciplina completa

Nutre corpo e anima. Migliora la coordinazione fisica, la concentrazione e favorisce lo sviluppo empatico e sociale del bambino. Abbiamo chiesto a un’esperta tutti i segreti dello Yoga e il racconto di una lezione-tipo

A scuola di mia figlia si fa lezione di Yoga.

Io non l’ho mai praticato e, sinceramente, non ne sapevo molto. Ne avevo un’idea piuttosto vaga.

Quando però lei, tornando dall’asilo, ha iniziato a salutarmi dicendo “Namasté” a mani giunte, ho capito che dovevo scoprirne di più.

Valentina Versino è una danzatrice, coreografa e insegnante di Yoga e Pilates. Lavora da più di vent’ anni nella ricerca sul corpo e sul movimento. Ha inoltre brevettato il suo marchio Yoga Contact e YogaMusicKids tenendo corsi e seminari in Italia e all’estero.

Valentina, sentiamo sempre più spesso parlare di corsi di yoga, ma, volendo approfondire, cos’è lo yoga? 

Non esiste domanda più semplice e complessa allo stesso tempo. Spesso c’è confusione su questo argomento perché ci sono mille sfaccettature per definire questa pratica. Lo yoga è una disciplina, una scelta personale, o meglio, un regalo che si fa a se stessi.

Lo yoga è l’ incontro con il proprio corpo la propria mente e la propria anima attraverso :

Gli esercizi fisici: ASANA

Le tecniche di respirazione: PRANAYAMA

Le norme di comportamento: YAMA

Le discipline interiori: NIYAMA

Il controllo dei sensi: PRATYHARA

La concentrazione su un soggetto prescelto: DHARANA

La meditazione: DHYANA

Il completo assorbimento della mente: SAMADHY

Lo yoga è una disciplina completa che serve per migliorare la vita, in tutti i suoi aspetti. È semplicemente uno strumento incredibile che ha lo scopo di farci stare meglio.

Come si pratica?

Nel modo più semplice, si sceglie un’insegnante che ci piace, un luogo comodo e accogliente, e un tappetino sul quale iniziare il nostro meraviglioso viaggio verso noi stessi: curiosi e pazienti, delicati e giocosi, coscienti dei nostri limiti fisici che sono una grande risorsa per conoscerci meglio.

Citando il grande maestro Iyegar

Le parole non possono esprimere tutta l’utilità dello yoga. Bisogna farne esperienza.

Come è applicabile tutto questo al mondo dei bambini?

I bambini sono dei grandi maestri, riescono ogni volta a stupirmi per la loro immediata risposta positiva allo yoga. La loro curiosità, apertura al nuovo, la loro delicatezza e voglia di giocare sono gli elementi principali che rendono tutto questo adatto all’infanzia.

Il metodo che uso con i bambini è quello di coinvolgerci tutti nel gioco della scoperta di noi stessi attraverso l’empatia e l’ascolto.

A quale età si può iniziare?

Onestamente, non so rispondere a questa domanda. Posso solo dire che io con i miei 2 figli ho iniziato da quando erano nella pancia!

Quali sono i benefici?

I benefici che ogni giorno osservo sui tanti piccoli yogi che seguono i miei corsi di Yoga sono innumerevoli.

Dal punto di vista fisico, lo yoga stimola l’equilibrio e l’elasticità, agisce sulla coordinazione, favorisce la libertà di espressione attraverso il gioco, sviluppa la consapevolezza del respiro e del proprio corpo.

Inoltre, migliora la conoscenza di se stessi e degli altri e la concentrazione.
Nutre l’intelligenza razionale, fisica ed emotiva del bambino.

I movimenti nella pratica dello Yoga sono sempre lenti e giocosi e in totale sicurezza. Le Asana, posizioni yoga, sono presentate in modo ludico per stimolare al meglio la fantasia del singolo e del gruppo.

Come hai avuto l’idea di portare lo yoga nella scuola?

È stato un lungo percorso, iniziato dopo la nascita dei miei figli. Credo che tutti i genitori abbiano vissuto l’esperienza della scelta della scuola per i propri bambini.

Quindi ho semplicemente espresso l’importanza di portare lo Yoga nelle scuole ai dirigenti didattici ed è iniziato il tutto.

Ma il più grande regalo che ho ricevuto è stato il supporto di mio marito, compositore e polistrumentista , con il quale abbiamo creato insieme, dopo un lungo periodo di ricerca avvenuta attraverso feedback ricevuti da bambini e genitori, la “nascita” del progetto YOGAMUSICKIDS.

Abbiamo semplicemente unito le nostre capacità in un unico percorso nel quale i bambini scoprono sia il gioco dello Yoga che il gioco della Musica.

Per poter offrire non solo ai nostri figli ma a tutti i bambini che lo desideravano la possibilità di imparare a conoscersi giocando.

Qual è la risposta da parte dei piccoli?

L’entusiasmo, la sorpresa, la scoperta, l’emozione che viviamo tutti insieme, noi e i piccoli yogi, è la risposta più chiara e onesta mai ricevuta. La luce e la gioia che riceviamo ogni giorno sono la conferma che siamo sulla buona strada.

Ci puoi raccontare come si svolge una lezione tipo?

Ogni lezione è un mondo a sé, irripetibile e unico.

Noi incontriamo i bambini da settembre a giugno una volta a settimana, sia nei nidi che nelle scuole materne, sperando poi in futuro di poter entrare nelle scuole elementari.

Abbiamo nel tempo strutturato un programma annuale ed ogni incontro con i bambini è un piccolo passo in più.

Tutte le lezioni iniziano formando un cerchio e togliendoci le scarpe, rituale necessario per poter entrare nel mondo di ORSO YOGA, il nostro vero maestro di yoga, che conduce e aiuta i bambini durante tutta la lezione.

Dopo un energico riscaldamento, inizia la scoperta delle Asana e la sperimentazione degli strumenti musicali, fino ad arrivare alla fase del sentire nella quale i bambini ascoltano storie sull’amicizia, sui
bambini, sugli animali accompagnati dal suono della musica eseguita dal vivo.
Per finire c’è la fase di rilassamento con semplici esercizi di respirazione e coccole per i più piccoli.

Secondo noi provare una lezione di YOGAMUSICKIDS insieme ai propri bambini è la descrizione migliore che si possa fare di una lezione tipo.

Abbiamo aperto un nostro centro, ad Albano Laziale (Rm), il Buddha Suite, dove oltre a corsi di Yoga, Pilates, Tai Chi, chitarra, violoncello, inglese, proponiamo proprio dei corsi di Yogamusickids con mamma e papà!